Il 9 luglio. Da Anastasio I alla neve in Argentina

518, 9 luglio
Dopo Anastasio I, viene nominato imperatore romano d’Oriente (o dell’impero bizantino), Giustino I, con il sostegno del nipote Giustiniano. Entrambi riescono a guadagnarsi le grazie del popolo, per la maggior parte cristiano e stanco del regime “eretico” di Anastasio I. Tra gli altri pretendenti c’era Vitaliano, il re dei Goti, che però arrivò tardi, a fatto compiuto (e non è un caso).

Leggi tutto

Il 15 gennaio: dalla Rivolta di Nika alla guerra in Libano

Seguono fatti noti e meno noti.

532, 15 gennaio
Continua la nota “Rivolta di Nika” a Costantinopoli. Giustiniano, in seguito ai tumulti del 14 gennaio, licenzia due ministri, Triboniano e Giovanni di Cappadocia, malvisti dal popolo. Ma era troppo tardi. L’imperatore opta allora per l’intervento di due leader dell’esercito, Belisario e Mundo. Niente da fare, anche perché le fazioni che si sono ribellate, i Verdi e gli Azzurri, sono militarmente preparate. Il triste epilogo della rivolta sarà solo rimandato… (vedi il 17 gennaio).

Leggi tutto

5 maggio: Assemblea Stati Generali, Totocalcio, D’Annunzio


1789, 5 maggio
Assemblea degli Stati Generali a Versailles, Parigi. Riunione che non avveniva dal 1614, un tassello importante, cruciale, nel percorso verso la Rivoluzione francese. Gli Stati Generali riuniti sono formati da 1165 rappresentanti, 600 del “Terzo stato” (che rappresenta il popolo, cioè il 98% di tutti i francesi) e circa 300 per ognuno degli altri due ceti sociali, clero e nobiltà (aristocrazia). Vedendosi rifiutare le richieste, il terzo stato decide di autoproclamarsi “Assemblea Nazionale”, unico organo rappresentante dell’intera Francia. Terminano così gli Stati Generali.

Leggi tutto

Il 22 marzo, da Papa Clemente V all’attentato di Londra

1312, 22 marzo
Papa Clemente V, noto anche per aver trasferito le sede della Chiesa da Roma ad Avignone (in Francia), non riuscendo ad impedire l’attacco ai templari da parte del re francese Filippo IV, detto “Il Bello”, dovette approvarli. L’influenza francese, dopo il trasferimento, era troppo forte.

1450, 22 marzo
Francesco Sforza ha 49 anni quando conquista Milano e viene eletto duca. Figlio di Muzio Sforza, morirà nel 1466, lasciando la guida al primogenito Galeazzo Maria. Gli Sforza erano una famiglia proveniente dalla Romagna che riuscì a governare il capoluogo lombardo dal 1450 al 1500 e poi, per brevi periodi, dal 1512 al 1535.

Leggi tutto

Il 17 marzo, dal Senato Romano al Regno d’Italia

44 a. C., 17 marzo
Prima seduta del Senato romano dopo l’assassinio di Cesare, avvenuto il 15 marzo. Antonio solleva una questione importante: tutti i provvedimenti approvati da Cesare sono ancora validi o no? Cicerone trova la soluzione con un compromesso: la validità dei provvedimenti fa perdere a Cesare il titolo di “tiranno”, mentre gli assassini sono “graziati” per il loro reato.

Leggi tutto

Il 14 marzo, dalla battaglia di Buxy a Hawking e Einstein

1471, 14 marzo
Si svolge la battaglia di Buxy (zona est della Francia). Siamo nel corso della guerra tra il re francese Luigi XI e il duca di Borgogna Carlo il Temerario, iniziata il 3 dicembre dell’anno precedente. Il duca viene sconfitto dal re.

1489, 14 marzo
Venezia riesce ad impadronirsi dell’isola di Cipro grazie a Caterina Cornaro (Corner), veneziana di origine e vedova del re di Cipro (Giacomo II di Lusignano. morto il 6 luglio del 1473), che abbandonò il trono quasi sedici anni dopo la morte del marito.

Leggi tutto